Assisi sarà l’approdo di centinaia di ragazzi provenienti da tutta l’Italia per partecipare a dibattiti, laboratori e presentare propri elaborati dedicati ad un mondo sempre più sconvolto da guerre, immigrazioni e terrorismo.

Su questo tema ha lavorato il Gruppo Educativa Territoriale (GET) “Un fiume in piena”, di Ponte Felcino.
Il cortometraggio, realizzato con la tecnica dello Stopmotion, è il frutto di tre mesi di lavoro che ha visto la collaborazione del Get e della Scuola Media Bonazzi Lilli dell’Istituto Comprensivo PG14.
Lo stopmotion racconta la storia vera di un giovane, ospite dell’ostello di Ponte Felcino, e del suo drammatico viaggio per mezza Africa, una storia che ha particolarmente colpito i ragazzi del Get che lo hanno trasformato in un diario visivo.

Al centro del Meeting ci sono tutti i grandi interrogativi dei nostri giorni: come affrontare il dramma delle guerre, delle migrazioni che non si arrestano, del terrorismo che minaccia costantemente le nostre abitudini, della violenza che si insinua dappertutto, in questo scenario la piccola storia di un giovane profugo ha permesso ai ragazzi di capire che dietro ad un volto c’è una storia, una vita fatta di sogni e desideri come i loro, che il destino ha fatto nascere, forse, nel posto sbagliato.